Scatti e via: come viene viene.

Museo di Scienze Naturali – Calci (PI) 19 luglio 2019
Museo di Scienze Naturali – Calci (PI) 19 luglio 2019
Museo di Scienze Naturali – Calci (PI) 19 luglio 2019
Museo di Scienze Naturali – Calci (PI) 19 luglio 2019
Stazione di San Miniato – Fucecchio sotto il solleone – luglio 2019
Pisa – giugno 2019
Firenze – maggio 2019

In questa pagina, dedicata agli “Scatti e via: come viene viene” (niente elaborazioni, tagli, interventi sulla luminosità, sulla saturazione, ecc.), mi sembra opportuno riportare un testo fondamentale sulla fotografia, di analisi teorica, ma anche contenente riferimenti puntuali alla pratica, alle diverse tecniche, e accenni alla manualità … in senso lato.

Nel leggere questo testo è importante porre l’accento, nella parola Kodak, sulla a, perché solo se questa parola è tronca si capisce la funzione che ha avuto la omonima storica azienda nello sviluppo della fotografia, e solo così si rispetta la rima.

Per approfondire l’argomento si troverà facilmente su YouTube un video esplicativo (si consigliano le versioni di Nino Taranto e di Aurelio Fierro, quest’ultima più lenta, di stile forse superato, ma di più facile comprensione per ascoltatori non napoletanofoni).

Il simbolo ə designa la vocale centrale media caratteristica della lingua napoletana, come nella seconda e terza sillaba della parola sdrucciola “mammətə”= tua madre; la doppia c di “caccə” e di “faccə” ha il suono dolce /tƒ/ come nell’italiano “caccia” e “faccio”; anche la c di “dicə” ha il suono /tƒ/ (“dici”); invece, la doppia c di “toccə” ha il suono duro /k/, come nell’italiano “tocca”; anche la c di “vacə” ha il suono /k/ (“vado”).

A chə facimmə ‘ammorə tutt’e ddujə, / Nun aggiə avutə ‘nu ritrattə tujə. / Dicə ca nun ‘o tienə pə’ mm’ ‘o dà, / Ma iə’ tengə ‘o mezzə pronto pə’ t’ ‘o ffà.

Da quando ci siamo legati con un rapporto affettivo e sessuale completo / non sono riuscito ad avere un tuo ritratto. / Dici che non ne hai uno disponibile, / ma io ho lo strumento adatto ad ottenerlo.

Mm’ho comprato ‘na Kodàk, / Nun appena ‘a toccə: ttacc, / Gira ‘a mollə, fa ‘nu scattə, / E tə caccə ‘nu ritrattə.

Ho comprato una macchina fotografica Kodak. /  Basta toccarla, si sente: tac, / la molla interna avanza, fa uno scatto / e immediatamente la macchina produce una fotografia.

T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / Jammə, fattella fà, bellezza mia! / Io metto a ffuoco e … ttà, / Tu sì vənuta già. / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … ttà / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

Nujə cə vedimmə quasə ognə mumentə, / Ma chistu fattə nun mmə fa cuntentə. / ‘A nottə, commə faccə a tə vədé, / Si ‘nu ritrattə nun ‘o pozzə avé?

Noi ci vediamo quasi ogni momento, / ma questo fatto non mi basta, non mi accontenta. / Di notte come posso continuare a vederti / se un tuo ritratto non posso avere?

E perciò cu ‘sta Kodàk, / Mettə ‘o ditə e faccə “ttacc”. / Chellə venə llà pə’ llà / E mm’ ‘a vacə a sviluppà.

E perciò con questa Kodak / metto un dito e faccio tac / quella (la foto) viene all’istante / e me la vado a sviluppare.

T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / Jammə, fattella fà, bellezza mia! / Io metto a ffuoco e … ttà, / Tu sì vənuta già. / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … ttà / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

A primmə ca tə fajə cə pruovə gustə: / Di faccia, di profilo, a mezzo busto. / E va a fərnì ca po’ mə dicə a me: / “Una non basta, me ne faccio tre”.

Basta fartene una … ci prendi gusto. / Di faccia , di profilo, a mezzo busto. / E va a finire che tu stessa mi dici: / “Una non basta, ne voglio fare tre”.

E io stò prontə cu ‘a Kodàk, / Sempə prontə: ttacc-ttacc. / Chillə ‘o rollə è luongə ‘o ssà. / Dimmə, quantə nə vuò fà?

E io sono pronto con la Kodak. / Sempre pronto a scattare foto. / Il rullino è lungo, sai / Dimmi quante ne vuoi fare.

T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / T’ ‘a vuò fà fà ‘na foto? / Jammə, fattella fà, bellezza mia! / Io metto a ffuoco e … ttà, / Tu sì vənuta già. / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fà ‘a fò, / Fattə fotografà!

Posso farti una foto? / Posso farti una foto? / Suvvia fattela fare, bellezza mia. / Non appena metto a fuoco … ttà / tu vieni, anzi sei già venuta. / Fatti fare la foto, / fatti fare la foto, / fatti fotografare.

TITOLO: “Fattə fà ‘a foto” (1947); AUTORI: Gigi Pisano, Giuseppe Cioffi